Partito di Alternativa Comunista

MAI PI

MAI PIÙ VIOLENZA CONTRO LA DONNA!

CONTRO IL CAPITALISMO CHE LA PROVOCA!

 

Dichiarazione per il 25 novembre del Segretariato Internazionale della Donna

Lega Internazionale dei Lavoratori - Quarta Internazionale

Il 25 novembre venne dichiarato Giorno Internazionale contro la Violenza sulla Donna nel 1° Incontro Femminista dell’America Latina e dei Caraibi celebrati a Bogotà (Colombia), nel luglio del 1981. Venne scelto questo giorno in onore delle sorelle Mirabal (Patria, Minerva e Maria Teresa), tre attiviste politiche assassinate il 25 novembre 1960 per mano della polizia segreta del dittatore Rafael Trujillo, nella Repubblica Dominicana.

Sicuramente, oggi l’Onu e diversi governi del mondo emetteranno comunicati di solidarietà con le donne e si esprimeranno contro la violenza che esse subiscono. Ma non diranno nulla sugli aspetti più profondi che stanno dietro quella violenza, a partire dal fatto che la maggioranza del miliardo e mezzo di persone che vive con un dollaro al giorno, o anche meno, è composta di donne. Nessuno può negare che il livello di povertà in cui vive l’insieme della classe operaia sia impressionante: e ciò è evidente perfino nei Paesi imperialisti. Così registriamo 40 milioni di poveri negli Usa, 17,5 milioni di disoccupati nell’Unione Europea e Paesi in guerra con migliaia di morti e di profughi dalle proprie terre.
Gli imperialisti saccheggiano le risorse naturali dell’America Latina, dell’Africa, dell’Asia, invadono Paesi come Iraq, Afghanistan, Haiti e negoziano con i golpisti, come in Honduras. Allo stesso tempo nei loro stessi Paesi tagliano i diritti dei lavoratori ed i diritti sociali dell’insieme della classe operaia.
La crisi capitalista mondiale non cessa di “vomitare” emarginati nelle strade delle grandi città del mondo: e fra essi, in grande maggioranza, le donne e i loro bambini.

 

La violenza domestica

Quando si parla della violenza contro la donna, la prima cosa che si denuncia è la violenza domestica che, come mostrano le statistiche di diversi Paesi del mondo, si moltiplica giorno dopo giorno.
Secondo un studio della Banca Mondiale, ogni cinque giorni lavorativi che le donne perdono a causa di ragioni di salute, uno è il prodotto di violenza domestica. In Canada, una relazione rivela che questo tipo di violenza causa una spesa di circa 1.600 milioni di dollari all’anno, compresa l’assistenza medica delle vittime. Negli Stati Uniti, diversi studi hanno stimato perdite annuali tra 10 e 67 miliardi di dollari per le stesse ragioni. In Europa, una donna ogni quattro è stata vittima di brutali trattamenti e il 10% è oggetto di aggressioni sessuali. In Cile, uno studio recente ha rivelato che quasi il 60% delle donne che vivono in coppia subisce qualche tipo di violenza domestica e più del 10% un’aggressione fisica grave. In Colombia, le donne vittime di abusi fisici rappresentano più del 20%, quelle oggetto di abusi sessuali il 10% e di abusi psicologici il 34%. In Ecuador, il 60% delle donne residenti in quartieri poveri di Quito è vittima di aggressioni fisiche da parte dei propri compagni. In Argentina, il 37% delle donne picchiate dai loro mariti sopportano abusi di questo tipo da 20 anni o più. In Nicaragua, il 32,8% delle donne tra i 16 e 49 anni è vittima di violenza fisica grave (lesioni, lancio di oggetti, uso di strumenti da taglio o da punta, bruciature, e forti spintoni).
In tutto il mondo aumentano le morti che riguardano donne, in molti casi precedute da stupri, per mano dei loro compagni attuali o ex. E dopo ciascuno di questi aberranti casi, esiste una generalizzata responsabilizzazione sociale alla vittima: “Che avrà fatto la donna per provocare questo? Se fosse andata via di casa non sarebbe accaduto. Se fosse stata più prudente nella scelta del suo compagno”.
Ciò che poco si menziona sono le cause economiche e sociali che provocano la distruzione delle relazioni umane, né si parla della cultura maschilista generata da questa società patriarcale, in cui la violenza è segno di virilità ed il “no” della donna non ha alcun valore.

 

La violenza lavorativa

Ma non è solo la violenza fra le mura domestiche a colpire la donna. Anche le politiche di governi e imprese che sottomettono i lavoratori e specialmente le donne ad estenuanti giornate lavorative, negando loro ogni tipo di previdenza sociale, ignorando le malattie professionali cagionate dal loro lavoro e facendo sì che lavorino in queste condizioni sotto il ricatto dei licenziamenti. Sono centinaia di migliaia le donne che per queste ragioni sviluppano tendiniti, sindrome del tunnel carpale e altre malattie che le portano alla paralisi delle mani. Praticamente è sparita dalle legislazioni la pensione di invalidità. E le poche tutele ancora in vigore, come il divieto di licenziamento durante la gravidanza, sono ignorate dai padroni con la complicità di una giustizia che, nel migliore dei casi, risolve il problema col pagamento di un’indennità.

 

Il sistema capitalista è il vero responsabile

Il capitalismo utilizza l’oppressione della donna, la differenziazione dei ruoli imposti dalla società patriarcale, per incrementare lo sfruttamento. Non ci sono perciò dubbi sulla sua responsabilità nella violenza lavorativa. Ma è anche il principale responsabile della violenza sociale e domestica.
Così come la progressiva distruzione dei servizi pubblici sovraccarica i compiti della donna lavoratrice e povera, rinforzando le catene dello schiavitù domestica, allo stesso modo la disoccupazione massiccia non solo aggrava le condizioni di vita della famiglia operaia, ma si accompagna al deterioramento delle relazioni umane. Si perdono le prospettive di futuro e seguono la fuga nell’alcool e nella droga. Tutto ciò provoca ancor più violenza nella società e nella famiglia operaia. Le donne ed i bambini sono le principali vittime. I casi di donne picchiate o violentate, di bambini sottoposti ad abusi, aumenteranno con la crescita della disoccupazione. Aumenteranno anche i casi di aggressioni sessuali sul lavoro, che le donne non denunceranno per timore di perdere quella che probabilmente è l’unica fonte di reddito familiare.
Per il peggioramento delle condizioni di vita, la mancanza di educazione sessuale e la difficoltà di accedere ai metodi contraccettivi, sempre più donne lavoratrici e povere si vedranno obbligate a ricorrere agli aborti clandestini, o ai brutali metodi degli aborti casalinghi, a fronte di gravidanze indesiderate o per l’impossibilità di dare ai figli una vita dignitosa. Questa è una delle più terribili violenze che quotidianamente viene esercitata sulla donna. Nel frattempo, le cliniche clandestine continuano a guadagnare fortune grazie alla legislazione repressiva che rende difficoltosa la pratica dell’aborto in strutture pubbliche, gratuitamente ed in condizioni sanitarie migliori. Quelle cliniche rappresentano già ora un grande affare, secondo solo al narcotraffico, in gran parte dei Paesi coloniali e semicoloniali. Di ciò è particolarmente responsabile la Chiesa cattolica che con la sua ipocrita politica di “difendere la vita” induce milioni di donne lavoratrici e povere a morire o le manda incontro ad una mutilazione. Sono altrettanto responsabili i governi che prima distruggono, coi loro piani, le condizioni di vita della donna lavoratrice e poi, capitolando alle pressioni della Chiesa ed agli interessi dei padroni delle cliniche clandestine, non depenalizzano l’aborto.
Quelle che maggiormente subiscono questa terribile situazione sono le donne lavoratrici più povere e marginalizzate, le donne di colore, quelle immigrate, e tra esse le più giovani. Tutte completamente emarginate e dimenticate, perfino da chi pretende di “governare per tutti”, come i Lula ed i Chávez, o anche in Paesi dove ci sono donne alla guida dei governi, o che occupano posti chiave, come in Argentina, Cile e negli Usa di Obama e Hillary Clinton. Quest’ultimo è un caso paradigmatico, poiché i rappresentanti di due settori oppressi, un nero e una donna, incrementano soprattutto le guerre e l’espansione di basi militari in America Latina con accordi, come quelli firmati in Colombia, dove i soldati yankee hanno impunità per tutto, perfino la violenza sessuale sulle donne.

 

Non c’è soluzione nel capitalismo

Quantunque siano importanti tutte le azioni che si possono mettere in campo per affrontare la violenza sulle donne, questa non potrà essere definitivamente eliminata fino a che sopravvivrà questo sistema perverso in cui pochi fanno profitti sfruttando il lavoro e la sofferenza della maggioranza della popolazione.
Noi donne lavoratrici e povere, contadine, immigrate, disoccupate, dobbiamo affrontare, con l’insieme della classe operaia, la lotta per i nostri diritti. Dobbiamo formare, nei nostri sindacati e quartieri, commissioni speciali per indagare e denunciare le violenze; dobbiamo anche costituire gruppi di autodifesa per proteggerci dagli attacchi e sviluppare attività per una presa di coscienza di questi problemi; dobbiamo rivendicare che gli Stati creino centri d’accoglienza per le donne che subiscono violenza e miglioramenti nelle legislazioni del lavoro. Ma dobbiamo essere consapevoli che tutto questo non è sufficiente. Dobbiamo sviluppare contemporaneamente la lotta contro le radici dal male. Cioè, la lotta per la distruzione di questa società ingiusta e discriminatoria, per sostituirla con un’altra solidale ed ugualitaria, la società socialista. Una società dove non esista sfruttamento né oppressione e dove possano svilupparsi, pienamente, relazioni autenticamente umane.

 

 

Iscrizione Newsletter

Iscrizione Newsletter

Compila il modulo per iscriverti alla nostra newsletter - I campi contrassegnati da sono obbligatori.


Il campo per collaborare col partito è opzionale

 

Appuntamenti





campagna

tesseramento 2022

 






Il libro sulla lotta in Alitalia

 




Modena, 9 luglio

 


 16 giugno zoom nazionale 

 

 


sabato 28 maggio Cremona

 


martedì 17 maggio

 

 


 

Giovedì 28 aprile 

ROMA

 


Giovedì 21 aprile:

zoom nazionale sulla Resistenza

 


 

14 APRILE MILANO

ASSEMBLEA ZOOM

 


LUNEDI' 28 MARZO 

ASSEMBLEA ZOOM

 

 


 mercoledì 23 marzo

 


 

Lega Internazionale dei Lavoratori - Quarta Internazionale

NEWS Progetto Comunista n 115

NEWS Trotskismo Oggi n 20

Ultimi Video

tv del pdac